stemma laudareIl programma di vita spirituale di san Domenico e da lui trasmesso ai suoi figli, se è vissuto integralmente, dà frutti di santità. È un programma molto semplice: Domenico “uomo evangelico”, vuole che i suoi figli “si comportino ovunque come uomini che desiderano ardentemente la propria e la altrui salvezza, seguendo le orme del Salvatore e parlando con Dio e di Dio con se stessi e col prossimo”.

Ecco il ritratto del “domenicano” come lo vuole Domenico: un uomo evangelico, che segue le orme del Salvatore e che vive in costante comunione con Dio per donare Dio ai fratelli. Il figlio di san Domenico e quindi il laico domenicano che segue questo programma di vita, cioè che vive con coerenza questo programma e perciò vive con coerenza la propria vocazione, raggiunge con sicurezza la santità. “Uomo evangelico” è quello che S. Paolo chiama “uomo di Dio”; colui cioè che “cerca la giustizia, la pietà, la fede, la carità, la pazienza, la mansuetudine… che combatte il buon combattimento della fede e cerca di conquistare la vita eterna” (1 Timoteo 6,11-12).

La “carità della verità” si esprime soprattutto nella vita del domenicano. Il laico domenicano, consacrato al culto della verità, “vive la verità” per poterla donare ai fratelli. Mala verità pienamente vissuta è santità. Una vita in tutto conforme al messaggio evangelico per il domenicano è una conseguenza naturale della sua vita di contemplazione e una premessa della sua azione apostolica. Essere con Dio nella preghiera, nella meditazione dei misteri divini, nella costante comunione con Dio, spinge il laico domenicano ad imitare la sua bontà e la sua santità. Chi vive in intima comunione con Dio e contempla il suo amore misericordioso per gli uomini, non può non regolare con la carità la propria vita. La comunione con Cristo spinge all’imitazione, ad avere i suoi sentimenti. L’apostolo che nutre la propria vita spirituale nella contemplazione della verità ed è consacrato all’annuncio della medesima è per “la verità totale”: verità dell’intelletto, verità della vita.

Il domenicano dunque che attua il programma di vita tracciato da Domenico non può non essere santo. La santità è frutto della contemplazione ed è il presupposto necessario per una fruttuosa azione apostolica; è infatti la condizione assoluta della fecondità dell’azione apostolica.

Tra la conquista della verità (studio, contemplazione…) e il dono della medesima nell’azione apostolica ci deve essere “la vita”. La conquista non è completa, se non diventa vita e il dono è sterile e perciò inutile se non parte dalla vita del predicatore. È’ Dio che salva, è la grazia che raggiunge il cuore e converte; la grazia illumina le intelligenze e muove le volontà.

Il domenicano sente la responsabilità di essere strumento dell’incontro misterioso dell’uomo con Dio. Per questo sente il dovere di essere docile all’azione dello Spirito, in modo che la sua attività apostolica sia realmente feconda di vita nuova.

Colui che vuole insegnare la verità della fede deve essere prima di tutto “maestro di vita”. La testimonianza per lui è semplice dovere di coerenza; è corrispondenza tra la dottrina che insegna e la pratica della vita quotidiana. La sua parola suona falsa, se non è confermata dalla “verità della vita”, che è umiltà, sincerità, lealtà, bontà, fraternità; in una parola, se non è confermata dall’esercizio delle virtù morali, illuminate dalle virtù teologali.

La perfetta corrispondenza tra la parola e la vita dei primi frati predicatori è espressamente notata dai Pontefici. “I frati predicatori – dice Gregorio IX (13 Gennaio 1240) – sono potenti con le opere e con la parola. Presso di loro la vita vivifica la dottrina e la dottrina informala vita; si legge nella loro condotta ciò che insegnano nei loro discorsi”. E Innocenzo IV afferma (1244): “L’Ordine dei predicatori è fiorente per la sua reputazione, illustre per la sua scienza, fervente per le sue virtù”.

Continua la lettura
Domenicani anche noi, laici.

  1. Il Laico e l’evangelizzazione
  2. Il Carisma dell’Ordine Domenicano
  3. Valori Essenziali nella Vita del Laico Domenicano
  4. Verità nella Vita
  5. Attualità delle Fraternite dei Laici di San Domenico